III viaggio in Ecuador

INTRODUZIONE
Queste le foto scattate e raccolte per tornarvi a raccontare una avventura a metà strada tra il sogno e la condivisione di valori pregnanti ed immarcescibili. Principi impastati con i sapori della solidarietà, la forte attrazione per una terra che sprigiona energia vitale da ogni sasso o cespuglio d’erba ed il profondo affetto per il popolo, genuino e verace, che la abita. In breve, le istantanee del mio terzo viaggio alla scoperta di un Ecuador nascosto, però tutto da scoprire, poiché prezioso ed ambivalente come un diamante; ma anche il terzo viaggio per portare sino in America Latina (l’America Latina appesa sul filo dell’equatore, tra giganti verdi, mare d’incanto e intrigate selve da mille ed una notte), i generosi doni che servono per alimentarvi i nostri progetti benefici: l’adozione di boschi nativi nella parrocchia rurale di Salinas (provincia di Guaranda), con l’obiettivo di ritagliarvi oasi naturali e parchi didattici a servizio delle scuole; il finanziamento di libri per l’istruzione scolastica e per la divulgazione di pensieri, vissuti ed emozioni di ragazzi d’oltreoceano (collegio di Salinas e scuole del relativo comprensorio); il sostegno, mediante adozioni a distanza, di due istituti che accolgono bambini abbandonati o in difficoltà, per l’esattezza l’Hogar (casa di lunga permanenza e ricovero) de Jesús, di Santo Domingo (provincia di Santo Domingo de los Tsáchilas) e la Guardería (asilo nido) San Luis Gonzaga-Santa María de Nazaret, di Guayaquil (provincia di Guayas).

 

Muchas gracias e “non girate mai lo sguardo per allontanare il dolore, piuttosto combattetelo, anche fissandolo negli occhi”

Chi è causa del suo male…

 

Tania Belli